Italiani e giapponesi, ci sono 5 differenze che li rendono gli opposti: una è divertentissima

Le differenze culturali tra italiani e giapponesi sono molto profonde: ecco le più evidenti (e sono tutte da ridere)

La differenza più grande in assoluto sta nel fatto che gli italiani sono più diretti, rumorosi e disordinati dei giapponesi, i quali a volte rimangono davvero meravigliati dalle nostre abitudini sociali.

differenze giapponesi italiani
Le abitudini giapponesi sono molto diverse da quelle italiane – radiohouse.it

Al contrario, per gli italiani i giapponesi sono troppo rigidi, troppo ordinati e soprattutto troppo freddi!

5 Differenze tra italiani e giapponesi

SALUTI – Quando in Italia dobbiamo salutare qualcuno con cui siamo piuttosto in confidenza, nella maggior parte dei casi avviciniamo il viso al suo e gli diamo due baci sulle guance e anche la persona che ci sta salutando fa lo stesso con noi. Questo gesto, che ci scambiamo sempre, sia quando incontriamo qualcuno, sia quando ci stiamo congedando da lui, per i giapponesi è troppo intimo! Questo popolo, infatti, riduce al minimo il contatto fisico tra individui che, per salutarsi, si limitano a inchinarsi profondamente dicendo “konnichiwa”.

differenze giapponesi italiani
La consuetudine dei controllori giapponesi in caso di ritardo dei treni – radiohouse.it

FASTIDIO O DISGUSTO – come gli altri popoli sanno benissimo in Italia siamo molto diretti nel mostrare i nostri sentimenti, sia quando sono positivi sia quando sono negativi. Se per esempio un cibo non ci piace, lo diciamo senza problemi. In Giappone questa sarebbe una grandissima mancanza di rispetto: per non ferire i sentimenti delle altre persone i giapponesi non dicono mai che non apprezzano qualcosa, si limitano a sorridere con cortesia e al limite non fanno commenti.

IN FILA – I giapponesi sono famosi per mettersi in fila letteralmente per qualsiasi cosa, anche lungo la banchina del treno, in corrispondenza delle porte delle vetture. Inutile dire che in Italia non sappiamo nemmeno la fila cosa sia e siamo così caotici che faremmo impazzire qualsiasi giapponese.

TRENI IN RITARDO – Nel raro caso in cui in Giappone un treno sia in ritardo, il controllore ha il preciso dovere di chiedere scusa a ogni passeggero facendo un inchino. Se dovessero farlo anche in Italia i controllori non avrebbero il tempo di controllare nemmeno un biglietto.

LE SCARPE – Quando entrano in casa, i giapponesi si tolgono le scarpe e camminano con i calzini. A differenza degli italiani, che lanciano le scarpe praticamente dove capita, i giapponesi ripongono le scarpe ordinatamente lungo il muro, con i talloni sul muro e la punta verso la porta.

IL VERSO DEL GALLO – Ogni cultura interpreta il verso degli animali con un’onomatopea tutta sua. Fa molto ridere il fatto che, se si chiede a un italiano, il gallo fa “chichirichì” mentre, se si chiede a un giapponese, il gallo fa “Cochicòcco”

Impostazioni privacy