Jeff Bezos, i suoi colloqui vertono su due domande: quali sono e come bisogna rispondere

Chi vuole lavorare con Jeff Bezos deve sapere che i colloqui vertono su due domande. Rispondere bene è essenziale per essere assunto

Uno degli uomini più potenti al mondo è sicuramente Jeff Bezos che per tanti anni è stato il CEO di Amazon. Nonostante ciò, sono tantissime le aziende che vedono a capo il magnate di Seattle. Chi vuole essere assunto dovrà sapere che tutti i colloqui vertono essenzialmente su due domande e bisogna sapere come rispondere.

Jeff Bezos colloqui domande
Le domande a cui bisogna rispondere ai colloqui con l’imprenditore – Ansa Foto – RadioHouse.it

Ad oggi Jeff Bezos è uno degli uomini più potenti al mondo, con un patrimonio secondo solamente a quello di Elon Musk. Sappiamo tutti che l’uomo è dietro alla creazione di Amazon, una delle più grandi e influenti società globali, nonché piattaforma numero uno nel mondo dell’e-commerce. Ad oggi, sembra quasi impossibile pensare di acquistare senza affidarsi ad Amazon e tutto questo è possibile grazie alla grandissima lungimiranza di Bezos, che è sempre stato all’avanguardia per quanto riguarda l’innovazione tecnologica.

Infatti l’imprenditore ha introdotto anche servizi come Kindle, il lettore di libri elettronici, e ha guidato lo sviluppo di servizi di cloud computing attraverso Amazon Web Services (AWS), che ha avuto un impatto significativo su molte industrie. Nel corso degli anni Bezos è riuscito ampliare la sua presenza in molteplici settori tra cui anche l’intrattenimento con Amazon Prime Video, l’intelligenza artificiale con Alexa e tanto altro.

Jeff Bezos, il particolare colloquio di lavoro: le uniche due domande poste

Jeff Bezos ha un approccio unico ai colloqui di lavoro. Una storia emblematica è quella di Ann Hiatt, che ha sperimentato un colloquio insolitamente breve e diretto con il fondatore di Amazon. Nel 2002 Hiatt ha fatto un colloquio per un ruolo di assistente junior in Amazon, dopo vari colloqui minori è arrivato il momento dell’incontro con Bezos. Sorprendentemente il CEO ha posto solo due domande prima di decidere di assumerla immediatamente.

Jeff Bezos colloqui domande
Come rispondere alle domande di Jeff Bezos – Ansa Foto – RadioHouse.it

La prima domanda è stata un rompicapo intrigante: “Voglio che tu stimi il numero di lastre di vetro della città di Seattle“. Questo enigma ha costretto Hiatt a pensare in modo creativo per trovare una risposta, l’imprenditore le ha suggerito di basare la stima sulla popolazione della città, considerando elementi come la casa, il mezzo di trasporto, l’ufficio e la scuola.

La seconda domanda, in contrasto con la complessità della prima, era più semplice: “Quali sono i tuoi obiettivi di carriera?“. Hiatt ha risposto esprimendo il desiderio di lavorare in Amazon per imparare da persone ambiziose e appassionate. Questo è stato sufficiente per convincere Bezos, che l’ha assunta immediatamente. Hiatt ritiene che Bezos stesse valutando il suo potenziale, cercando di capire se avesse la grinta, il coraggio e la motivazione per affrontare le sfide e crescere professionalmente a un ritmo elevato.

Impostazioni privacy